Ricetta d'Autore

Spaghetti Maxi Mele e Cipolle

Ricetta di Silvio Martuscelli caricata il 01 Feb 2016 alle 08:55

Descrizione

Questo semplice ma gustoso primo piatto penso rappresenti in maniera egregia il concetto di " italianità a tavola " poiché associa tre alimenti molto caratteristici della nostra terra: la pasta secca, le cipolle in diverse declinazioni e le mele, nello specifico, una varietà molto particolare: le mele limoncelle del Molise.
La Limoncella tipica del Molise deriva da un' antica varietà di melo coltivata nelle aree interne a confine con la Campania, ma con un area di distribuzione che coinvolgeva le zone limitrofe di Abruzzo, Campania e Puglia. E’ la tipica mela da conservare per la sua straordinaria serbevolezza, conosciuta e apprezzata (sapore, aspetti salutistici) solo a livello di mercati locali, particolarmente nella provincia di Campobasso.
Un tempo, se non bastava il magazzino, la si conservava anche in bella vista per adornare e profumare la cucina e le stanze di soggiorno.

Difficoltà:
Tempo di preparazione: 60

Ingredienti per 4 persone

400 g di Spaghetti Maxi di Gragnano " Pastificio dei Campi "
4-5 mele limoncelle del Molise
1 cipolla bianca;
1 cipolla rossa di Tropea
1 cipolla ramata di Montoro
1 cipolla dorata di Castelnuovo Scrivia
1/2 scalogni
200 g di burro da affioramento
80 g di Parmigiano Reggiano Vacche Rosse 40 mesi
sale e pepe in grani q.b.
1 filo di olio EVO " Antico Frantoio Muraglia "

per il brodo:
1 costa di sedano, 1 mezza patata, le bucce esterne della cipolla e mezza carota

Preparazione

In una pentola capiente, partendo da acqua molto fredda, mettete su un brodo vegetale leggero con sedano, carota, le bucce di cipolla e patata.
Dopo un' oretta che l' acqua ha preso il bollore, filtrate il brodo con un colino a maglie molto strette e utilizzando una nuova pentola, lasciatelo sobbollire a fiamma bassissima.
Prendete una padella capiente e mettete su il burro e un filo di olio; fateli sciogliere molto lentamente a fiamma bassa; aggiungete le cipolle tagliate a striscioline, avendo cura di rispettare le giuste proporzioni fra cipolla bianca, rossa, dorata, ramata e scalogno.
Pulite le mele e tagliatele a spicchi senza buccia e senza torsolo e, dopo averle tenute per qualche istante in acqua acidulata aggiungetele alle cipolle in cottura avendo sempre cura di mantenere la fiamma bassissima.
Mele e cipolle devono cuocere lentamente e ammorbidirsi senza bruciarsi assolutamente.
Prendete una padella capiente e riscaldatela sul fuoco, non appena diventa ben calda poggiateci su la pasta cruda e aggiungete poco alla volta il brodo vegetale risottando la pasta senza fretta.
Quando la pasta si è ammorbidita ma è comunque molto al dente, aggiungetela alle cipolle e alle mele in cottura amalgamando i sapori con cura.
Intanto tostate qualche grano di pepe nero in padella e spaccatelo in un mortaio.
Componete il piatto: adagiate gli spaghetti maxi senza comporre " nidi " essendo un piatto molto rustico è più bello e appagante lasciarli liberi; completate con un filo di olio EVO, una spolverata di Parmigiano Reggiano Vacche Rosse invecchiato e qualche grano di pepe tostato e pestato a mano.

Bevanda consigliata

Gewurztraminer - Tramin Cantina Kellerei;
Sylvaner - Abbazia di Novacella;
Pinot Bianco - Terlano Cantina Kellerei
Altre ricette di Silvio Martuscelli
Silvio Martuscelli
Silvio Martuscelli
Appassionato
20 ricette pubblicate
Scopri
Questa ricetta è originale al
%
N.B. La percentuale di originalità delle ricette fornisce soltanto un'indicazione e viene calcolata in base al confronto delle parole inserite nelle ricette del nostro sito.


Carica la tua ricetta nel nostro sito
e richiedi la certificazione
Carica la tua ricetta
Oppure partecipa a uno dei nostri Contest
Contest